perchè le piastrelle si crepano?

Danni alle piastrelle – trigger e possibilità di ristrutturazione

perchè le piastrelle si crepano? Le piastrelle e le lastre di materiali ceramici sono robuste e durevoli. Ciò vale tuttavia solo se l’esecuzione come rivestimento per pareti o pavimenti viene eseguita con cura e secondo lo stato della tecnica. Un sottofondo non correttamente costruito o difetti durante la posa può portare a crepe e rotture delle piastrelle. Molti errori di costruzione spesso non si vendicano nemmeno direttamente sulla piastrella, ma nella zona dei collegamenti e delle fughe, così come nel clima della stanza. Le perdite, in particolare, sono fatali e portano all’umidità e alla formazione di muffe.

Rivestimenti in ceramica

I rivestimenti in ceramica devono essere posati su sottofondi piani.  Secondo la tabella 3, sono consentite tolleranze fino a 5 mm per metro lineare per pavimenti e pareti preconfezionate, mentre per requisiti più elevati si applicano ancora tolleranze di 3 mm. Se le piastrelle e le lastre vengono posate direttamente, questo porta inevitabilmente a problemi come le piastrelle sciolte e, nel peggiore dei casi, alla rottura delle piastrelle sotto carico.

perchè le piastrelle si crepano?

perchè le piastrelle si crepano?

perchè le piastrelle si crepano?

Questo danno può essere evitato utilizzando un riempitivo superficiale o una malta a letto fluido autolivellante. In alcuni casi, anche la posa di un letto medio può essere d’aiuto. Soprattutto quando le piastrelle sono posate in un letto sottile, la tolleranza non deve superare 1,5 mm. Come il sottofondo, anche le piastrelle devono essere controllate con attenzione. Tolleranze legate alla produzione, come l’inclinazione della vasca, portano spesso a un eccesso di denti. Si riferisce alla differenza di altezza tra due piastrelle in corrispondenza della giunzione. Se si sommano le sovradentature con dislivelli nel sottofondo, si ottengono rivestimenti di piastrelle facilmente inaccettabili che né otticamente né in termini di utilizzo soddisfano i requisiti di una pavimentazione piana e omogenea.

perchè le piastrelle si crepano?

Danni da umidità

I danni causati dall’umidità ai pavimenti in piastrelle e lastre possono danneggiare l’intera struttura del pavimento. Nel peggiore dei casi, può addirittura rendersi necessaria una ristrutturazione completa, compresa la rimozione e la ricostruzione del massetto. Si distingue tra due cause principali di danno da umidità. O l’umidità era già intrappolata sotto le piastrelle al momento della posa, oppure il danno è stato causato dall’umidità che è penetrata successivamente, ad esempio a causa di un’impermeabilizzazione difettosa.

Se l’umidità viene intrappolata sotto la piastrellatura durante la posa, ad esempio dalla malta di posa o da un massetto non sufficientemente asciutto, e c’è una guarnizione senza fessure, l’unica possibilità per l’acqua di fuoriuscire è il giunto. Anche l’umidità del sottofondo può causare un’umidità permanente sotto il rivestimento. L’asciugatura non è possibile a causa della piastrella stessa. Pertanto, più piccolo è il giunto, più difficile diventa la diffusione.

Evitare il danno

Per evitare questo danno, l’installatore dovrebbe sempre effettuare in anticipo una misurazione dell’umidità residua. Adatta e ammessa è la cosiddetta misurazione CM (metodo del carburo di calcio), in cui l’umidità di un campione di massetto prelevato viene misurata attraverso una reazione chimica. I massetti sono pronti per il montaggio se non vengono superati i seguenti valori:

2,0 CM-% per massetto in cemento
0,5 CM-% per massetto di solfato di calcio
0,3 CM-% per massetti di solfato di calcio riscaldati

L’umidità dall’alto può penetrare nel sottofondo solo attraverso il giunto, poiché la maggior parte delle piastrelle in ceramica oggi ha una bassa capacità di assorbimento d’acqua. Per evitare la penetrazione e i danni che ne derivano. Le zone a rischio con elevate infiltrazioni d’acqua dall’esterno (ad es. piscine) devono essere protette da un’impermeabilizzazione supplementare.

perchè le piastrelle si crepano?

Scale e bordi

Le piastrelle danneggiate possono rappresentare un rischio per la sicurezza – soprattutto sulle scale e sui bordi. Le tegole allentate o gli angoli scheggiati e rotti sono particolarmente inclini agli incidenti e hanno anche un aspetto sgradevole. In molti casi, il danno non è causato da una posa errata, ma dall’aumento delle sollecitazioni meccaniche. I bordi a gradini in metallo o plastica sono un rimedio. Le guide rendono inoltre il bordo più facile da riconoscere e quindi riducono il rischio di incidenti.

perchè le piastrelle si crepano?

Decolorazione

perchè le piastrelle si crepano?

Anche se lo scolorimento non pregiudica l’usabilità, deve essere evitato il più possibile. Il gres porcellanato lucidato è particolarmente sensibile. Questa piastrella particolarmente dura e resistente è generalmente molto resistente allo sporco e allo scolorimento dovuto ai pori chiusi. Tuttavia, se la superficie viene lucidata o rettificata per il miglioramento visivo, lo strato esterno duro e sinterizzato viene attaccato e si creano spazi porosi invisibili. Questo danno può essere facilmente evitato con un’efficace protezione antimacchia. Anche le piastrelle in vero cotto o in terracotta sono soggette a macchie e scolorimenti. I frammenti a pori aperti hanno un’elevata capacità di assorbimento dell’acqua, lo scolorimento può eventualmente originare dal substrato o essere causato da varie sostanze provenienti dall’alto. Per evitare lo sporco permanente, queste piastrelle possono essere cerate, impregnate o sigillate. Soprattutto nell’applicazione di impregnazioni successive, è importante assicurarsi che la pavimentazione sia completamente asciutta.

Danni dovuti a misure di pulizia non corrette

In relazione allo scolorimento, possono verificarsi danni strutturali anche se non è stata effettuata una pulizia finale impropria dell’edificio. Durante questa pulizia finale dopo il completamento dei lavori, le impurità come i residui di cemento o i residui di malta vengono rimossi dalla piastrellatura. Per rimuovere i residui di malte e malte modificate con la plastica, è necessaria una pulizia alcalina, ma questo è spesso “dimenticato”. Rimangono macchie o pellicole che sono molto difficili da rimuovere in seguito.

I danni possono anche verificarsi se si utilizzano detergenti sbagliati. Ad esempio, i detergenti acidi a base di acido cloridrico non devono essere utilizzati su smalti con superfici contenenti metalli. Molti produttori oggi usano minerali metallici per lo smalto, ad esempio su piastrelle metalliche alla moda – i danni alla superficie sono quindi pre-programmati. Anche la miscela di diversi detergenti per la casa può causare danni e danneggiare la salute a causa di reazioni chimiche tossiche. I detergenti per la formazione di pellicole non sono consigliati anche per le piastrelle. Soprattutto per i rivestimenti per pavimenti la resistenza allo scivolamento può essere ridotta.

Rottura e scheggiatura delle piastrelle

I rivestimenti ceramici, in particolare il gres porcellanato, hanno un’elevata resistenza alla rottura e sono quindi adatti ad assorbire carichi elevati senza danni se posati correttamente. I problemi possono verificarsi con carichi puntiformi, poiché la piastrella viene poi sottoposta a tensione di flessione. Mentre la pressione viene applicata dall’alto, una forza di trazione agisce sul lato inferiore della piastrella. Per evitare danni, è generalmente importante che l’installazione sia il più possibile priva di vuoti. Inoltre, le piastrelle possono essere caricate solo con i carichi consentiti.

In generale, i formati di piastrelle quadrate possono resistere a carichi più elevati, poiché il carico è qui distribuito in modo uniforme. In alcuni casi, esistono già piastrelle per il campo di carico elevato che possono resistere a carichi di pressione fino a 60 N/mm² con uno spessore di 11 mm e un formato di 30×60 cm.

Nel caso di posa di piastrelle e lastre particolarmente sottili e/o di grande formato, si consiglia il metodo del “buttering-floating” o la posa in malta a letto fluido, poiché in questo modo si riducono al minimo le cavità sotto le piastrelle. La posa senza vuoti è particolarmente necessaria anche per il nuovo tipo di gres porcellanato ceramico, che ha uno spessore di soli 3 mm e un formato molto grande, o per le piastrelle in gres porcellanato estremamente sottili e di grande formato. Questo materiale si comporta in modo molto simile al vetro ed è altrettanto sensibile quando si tratta di trasporto e lavorazione.

RIPARAZIONE DI PIASTRELLE: CREPE, FORI E PIASTRELLE SCHEGGIATE

Sebbene le piastrelle di ceramica siano un materiale molto grato e durevole, non sono affatto indistruttibili. Fortunatamente, riparare crepe e buchi nelle piastrelle non è affatto difficile. Tutto ciò di cui hai bisogno è colla per piastrelle, malta e un po ‘di abilità.

Cause di fori e crepe nelle tegole

Di solito, la piastrella può resistere a molte cose. Ci sono pochi problemi con i mobili pesanti e l’uso quotidiano. Dillo di nuovo: nella nostra vita quotidiana, abbiamo sempre piccoli incidenti, che possono causare la rottura, il distacco e la rottura delle piastrelle. Anche un soffiatore che cade sul pavimento può causare buchi o crepe nelle piastrelle al momento dell’impatto. Le tessere rettangolari e grandi sono più rischiose delle tessere piccole e quadrate.

Inoltre, errori nel processo di installazione possono causare la rottura delle piastrelle. Ad esempio, questo è il caso se usi la colla sbagliata o usi la colla sbagliata. Quest’ultimo porta alla formazione di cavità sotto le piastrelle e in definitiva alla fessurazione delle piastrelle. Di solito i fori vengono fatti deliberatamente nelle piastrelle durante la perforazione. Ad un certo punto, potrebbero persino diventare sgradevoli.

Riparazione di piccole crepe nelle piastrelle

Se si tratta solo di una piccola scheggiatura o di una sottile crepa sulla piastrella, puoi utilizzare uno speciale bastoncino di vernice per piastrelle. La matita contiene vernice e riempitivi per sigillare crepe e buchi. La maggior parte di loro ha i colori tipici del bagno, come il bianco, il beige e il grigio. Tuttavia, è possibile ritoccare l’area in un secondo momento con un pennarello standard impermeabile del colore appropriato.

In primo luogo, pulire accuratamente le piastrelle interessate con un panno o una spugna e detersivo, aceto o benzina. Ora, agita il modificatore seguendo le istruzioni del produttore. Fai delle prove su carta per vedere se la matita può essere utilizzata, così da evitare matite che potrebbero cadere durante il primo utilizzo. Quindi traccia l’area danneggiata con un pennarello. Quindi lascia asciugare le crepe o le scaglie per almeno tre ore, quindi applica nuovamente la matita se necessario.

perchè le piastrelle si crepano

perchè le piastrelle si crepano

CONTENUTI CORRELATI!

ottimizzare spazio bagno piccolo

bagni moderni idee e consigli

COME PIASTRELLARE UN BAGNO E QUANTO COSTA

 

Compra qui il tuo arredo bagno